Attestati di certificazione energetica degli edifici
Attestati di certificazione energetica degli edifici

Nei prossimi 12 mesi saranno effettuati non meno di 400 controlli a campione sugli Attestati di Certificazione Energetica (ACE) rilasciati. Lo stabilisce la Regione Lombardia con la deliberazione n. IX/2554,  Modalità di accertamento degli ACE, che riporta i criteri di indirizzo per effettuare gli accertamenti in materia di certificazione energetica degli edifici.

 

La delibera entrerà in vigore con la pubblicazione sul Bollettino Ufficiale Regionale Successivamente sarà approvata anche la procedura operativa di dettaglio contente l’insieme dei parametri oggetto di accertamento. Degli accertamenti sarà investita la Cestec spa, società interamente partecipata da Regione Lombardia.

 

Gli ACE da sottoporre a verifica proverranno da un campione estratto dal Catasto Energetico regionale degli edifici, selezionando in modo casuale gli ACE che hanno maggiori probabilità di essere non conformi per i seguenti fattori:
1. numero elevato di ACE redatti dal Soggetto certificatore;
2. valori anomali dell’indice di prestazione energetica per il riscaldamento o la climatizzazione invernale (nel seguito EPH);
3. EPH lievemente inferiore al minimo previsto per la classe energetica immediatamente inferiore a quella di appartenenza;
4. prestazione energetica particolarmente performante dell’edificio.

 

L’accertamento degli ACE riguarda sia la correttezza dei dati inseriti per la redazione dell’attestato di certificazione, sia il rispetto dei requisiti e degli adempimenti amministrativi indicati nella disciplina regionale. L’esito dell’accertamento è positivo se la verifica è positiva per entrambi gli aspetti.

 

Deliberazione della Giunta regionale n. IX/2554 del 24 novembre 2011, Criteri di indirizzo, modalità di accertamento delle infrazioni e irrogazione delle sanzioni di competenza regionale, previste dall’art. 27 della l.r. 24/2006, in materia di certificazione energetica

 

Allegato alla deliberazione n. IX/2554, Criteri di indirizzo, modalità di accertamento delle infrazioni e irrogazione delle sanzioni di competenza regionale, previste dall’art. 27 della l.r. 24/2006

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento