Smart city, con I-Scope per monitorare e interagire con la città

E’ stato presentato nei giorni scorsi alla fiera Smau di Milano il progetto I-Scope, nell’ambito delle iniziative sulle Smart City.

I-SCOPE – acronimo di “Interoperable Smart City services through an Open Platform for urban Ecosystems” – è un progetto europeo finanziato dal programma quadro per l’innovazione e la competitività (CIP) dell’Unione Europea, con l’obiettivo di sviluppare una serie di servizi per i cittadini insieme a diverse smart cities europee (http://www.iscopeproject.net ). Il progetto è coordinato a livello europeo da Fondazione Graphitech e vede come partner, per la sperimentazione locale, Informatica Trentina.

Il progetto, presentato nel portale “Trento Smart City”, offre la visualizzazione 3D del territorio grazie alle informazioni raccolte e servizi intelligenti studiati in tre diversi ambiti, tra cui mobilità, energia ed ambiente. Un esempio concreto: attraverso il portale sarà possibile personalizzare i percorsi in città e consentire alla persona diversamente abile di studiare i percorsi privi di barriere architettoniche. Ancora, il cittadino potrà contribuire attivamente al monitoraggio ambientale della città registrando i livelli di rumore con il proprio smartphone, che li invierà automaticamente al portale. Il cittadino diventa quindi “sensore” della città, contribuendo così in maniera attiva all’arricchimento delle informazioni della piattaforma.

Infine, il portale consentirà inoltre di visualizzare le mappe 3D degli edifici, utili per valutare il potenziale solare e la loro dispersione in una logica di ottimizzazione dell’efficienza energetica: un utilizzo, quest’ultimo, pensato per le pubbliche amministrazioni chiamate nei prossimi anni a studiare nuove politiche energetiche.
Numerosi enti trentini hanno contribuito all’iniziativa quali fornitori di informazioni e dati per l’allestimento dei servizi innovativi del progetto. Le realtà territoriali trentine che sperimenteranno i servizi sono il Comune di Trento, di Cles e di Ala e le Comunità di Valle della Valle di Non e della Valle di Sole.

“Fondazione Graphitech è estremamente orgogliosa del ruolo di coordinatore del progetto europeo i-SCOPE. – sottolinea il Direttore della Fondazione Graphitech dott. Raffele De Amicis – Ritengo che il modello di innovazione proposto sia estremamente efficiente per ridurre il distacco tecnologico tra i grandi centro urbani e le piccole e piccolissime municipalità che partecipano al progetto. Cioè realtà territoriali che dispongono di limitate risorse economiche da investire sull’innovazione”.

Fonte: Provincia Trento

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento