Silenzio assenso in edilizia, per il ministro Clini non c'è rischio condono

Prosegue la polemica intorno all’eliminazione del silenzio-rifiuto per il permesso di costruire di immobili in aree sottoposte a vincolo (vedi “Semplificazioni, via il silenzio-rifiuto per il permesso di costruire“), contenuta nel ddl Semplificazioni bis.

“Il silenzio assenso per le autorizzazioni a costruire anche nelle aree con vincoli ambientali e paesaggistici è una vera e propria follia che rischia di portare a un nuovo sacco del patrimonio culturale italiano, mettendo a rischio i laghi, le aree costiere e archeologiche dove la speculazione potrà approfittare di piani regolatori vecchi e dell’assenza della pianificazione paesaggistica” – ha commentato Vittorio Cogliati Dezza, presidente di Legambiente.

“Sarebbe una semplificazione assurda e pericolosa – prosegue il presidente di Legambiente – perché è del tutto evidente, considerati i tagli fatti in questi anni e lo stato di abbandono e di disorganizzazione in cui versano tante Soprintendenze, che le amministrazioni preposte alla tutela del vincolo nella stragrande maggioranza dei casi non saranno in grado di rispondere alle richieste nei tempi previsti, facendo scattare il silenzio assenso alla trasformazione”.

Pronto alla replica il ministro dell’ambiente Corrado Clini: “In quella norma non c’è nessun condono, nessuno sconto, nessun attacco all’ambiente, nessuna porta aperta alla speculazione sui territori protetti e di pregio. Il governo ha confermato un principio del diritto e ha risolto una distorsione”.

“Perché un cittadino che fa una domanda a un’amministrazione pubblica ha il diritto di avere una risposta, positiva o negativa che sia. Se si chiede un intervento vietato dalle norme vigenti quella domanda non va ignorata o messa in un cassetto, ma va rifiutata esplicitamente ed in tempi ragionevolmente brevi.
Il silenzio-rifiuto al contrario de-responsabilizza l’amministrazione pubblica e consente di non rispondere alle domande dei cittadini. E l’inerzia delle amministrazioni è stata troppo spesso un alibi per l’abusivismo”.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

2 Commenti

  1. Il ministro dell’ambiente Corrado Clini ha ragione. Le Amministrazioni pubbliche hanno il dovere di rispondere in tempi ragionevolmente brevi, indicando esattamente le motivazioni.

  2. Il silenzio assenso e’ divenuta una necessità inderogabile poiché la situazione attuale e’ insostenibile sia da parte dei professionisti sia da parte dei Committenti con enormi danni lavorativi e produttivi del settore . Il decreto Clini e’ non può essere interpretato come un escamotage per futuri abusi ma è l’interpretazione generale di una evidente richiesta di dovuta responsabilità.

Scrivi un commento