Prima uscita in pubblico per Conforma, l’Associazione italiana fondata da diciotto organismi leader nel settore della Valutazione di Conformità di terza parte indipendente, in occasione di MADE Expo 2012, la nota kermesse internazionale dedicata ai player dei settori dell’architettura, del design e dell’edilizia, in programma a Fiera Milano Rho dal 17 al 20 ottobre prossimi. Conforma parteciperà con un desk espositivo presso lo spazio di Federcostruzioni alla Reception 6/10.

“La presenza di Conforma a MADE Expo presso Federcostruzioni, della quale siamo entrati a far parte di recente, conferma la nostra volontà di essere parte attiva nelle questioni strategiche del settore delle costruzioni – dichiara Lorenzo Orsenigo, presidente di Conforma – e di rappresentare un interlocutore affidabile e competente sulle questioni più critiche nel processo di assicurazione della qualità, affidabilità, sostenibilità ambientale e sicurezza di prodotti, servizi, sistemi, impianti e processi”.

“L’impegno di Conforma in questo settore – sottolinea il direttore di Conforma, Paolo Giuiuzza – “è confermato dal fatto che, nel corso della manifestazione, Conforma terrà due interventi , uno sul tema: La certificazione degli edifici: dal green washing alla reale verifica di conformità e l’altro sul tema Legalità, Antisismica, Sicurezza, Sostenibilità: i quattro Pilastri del Cantiere Italia”.

Ambedue gli appuntamenti sono previsti per giovedì 18 ottobre alle ore 14.30 presso lo spazio eventi di Federcostruzioni (Sala A e Sala B – Spazio Federcostruzioni – Reception 6/10)

Alcuni dati sulla  Valutazione di Conformità nel settore delle costruzioni.
I servizi di Valutazione della Conformità di terza parte indipendente si rivolgono, nel settore delle costruzioni, sia ai produttori di materiali e servizi che alle imprese di costruzione e comprendono la certificazione dei sistemi di gestione aziendali, dei prodotti e del personale, le prove di laboratorio, le ispezioni sino alla certificazione degli edifici.

Le imprese di costruzione e di installazione di impianti e di servizi certificate sotto accreditamento Accredia a fine 2011 sono 30.000.

Gli impianti di produzione di calcestruzzo preconfezionato con sistema di controllo della produzione certificato da organismi abilitati dal Servizio Tecnico Centrale del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici risultano 2.789 alla fine del 2011.

I centri di trasformazione dell’acciaio da cemento armato abilitati dal Servizio Tecnico Centrale, che quindi sono in possesso almeno di una certificazione del controllo di produzione, sono 882 e le officine che lavorano carpenteria metallica sono 1.281.

Il settore della Valutazione di Conformità
Il settore si è sviluppato intorno agli anni ottanta in concomitanza con l’introduzione della norma ISO 9000, con l’obiettivo di fornire alle aziende una serie di servizi di attestazione della conformità di prodotti, processi, impianti, sistemi e personale sia a documenti normativi (attività volontaria) che a requisiti di legge nazionali o internazionali (attività cogente).

Oggi più di 1.000 imprese operano in questo settore in qualità di organismi di certificazione ed ispezione, laboratori di prova e taratura, organismi abilitati e notificati e impiegano direttamente circa  10.000 persone, per la maggior parte professionisti laureati o diplomati con elevata esperienza e qualificazione, ai quali si devono sommare gli altri attori della filiera, principalmente i professionisti e i consulenti impiegati nelle stesse tematiche nelle oltre 100.000 aziende clienti.

Nel settore volontario, i dati ufficiali (fonte Accredia) riportano che al 2011 sono stati certificati sotto accreditamento circa 160.000 sistemi di gestione, 100.000 prodotti e 80.000 figure professionali, emessi 20.000 rapporti di ispezione e 100.000 certificati di taratura ed effettuati oltre 200.000 audit.

Nel settore cogente, sono stati emessi nel corso del 2011 più di 500.000 rapporti di ispezione. In particolare gli organismi notificati hanno svolto attività di valutazione della conformità nell’ambito della sicurezza dei prodotti prevista da 22 direttive europee che coprono diverse tipologie di prodotti quali ad esempio i giocattoli (dir. 88/378), i prodotti da costruzione (dir. 89/106 ), i dispositivi medici (dir. 93/42), gli apparecchi a gas (dir. 00/396)  e analoga attività è stata svolta dagli organismi abilitati in ambito nazionale per quanto riguarda la legislazione italiana.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento