È una stele a forma di saetta rovesciata quella che punta verso il cielo nei pressi del Centro Sportivo Brentella a Padova: si tratta del monumento innalzato a Filippo Raciti, Ispettore della polizia di stato, vittima della di un episodio di violenza calcistica che gli costò la vita nel 2007 a Catania.
Frutto dell’ingegno dello scultore Elio Armano, la splendida opera in acciaio è alta sei metri, pesa ben 13 tonnellate ed è rivestita con una tecnica applicativa esclusiva: l’acidificato Ideal Work (www.idealwork.it).

Questo materiale in variante di colore Turquise è stato realizzato  mediante l’utilizzo di particolari coloranti a base di sali metallici che penetrano nel calcestruzzo e ne cambiano chimicamente il colore per dare origine ad effetti di colore screziati a ricreare l’aspetto di un materiale invecchiato. I coloranti Ideal Work, diventati in tal modo parte della superficie, divengano non soggetti a dissolvenza, intacco, screpolatura o spellatura, a beneficio di durabilità e resistenza. Una resina protettiva, Ideal Sealer Medium è stata  applicata successivamente per incrementare il livello di resistenza nel tempo.
È stato scelto Armano per le peculiarità di stile dell’artista che ha “inventato” le megasculture del Giardino dei Giusti all’Internato Ignoto di Terranegra. Il lavoro è stato eseguito dalla ditta Pellizzari Prefabbricati per l’impresa Carron spa di San Zenone degli Ezzelini. Gli egizi innalzavano monumenti verso il cielo – dice Armano – svettanti come alberi, ponti tra la terra dei mortali e l’infinito sconosciuto e inconoscibile nascosto dallo specchio della volta celeste. Anche questo è un inno di pietra ad un valore importante com’è la legalità che garantisce il bene comune della convivenza. Questa stele di un verde squillante che risalta nel paesaggio, è obliqua e disassata. Questa obliquità contiene una metafora: oggi viviamo nell’insicurezza e nell’instabilità. Incerti sono i nostri destini come lo è stato quello tragico e ingiusto di Raciti. Ma l’obliquità unita alla dimensione formidabile, è segno di possanza e di resistenza ai venti della violenza cieca e del cinismo più stupido”.

Con il proprio intervento, Ideal Work ha voluto contribuire a dare pregio estetico e durevolezza ad un simbolo ed omaggio che perpetuerà nel tempo il ricordo di  un uomo valoroso e ingiustamente ucciso.

Cantiere Padova, località Chiesa Nuova
Monumento a Filippo Raciti – Ispettore Polizia di Stato
Opera Elio Ermano
Progetto Struttura: Iconia Ingegneria civile Srl Padova
Realizzazione e  donazione: Carron Cav. Angelo Spa – San Zenone (TV)
Prefabbricazione: Pellizzari Prefabbricati –San Zenone (TV)
Rivestimento e Decorazione: Ideal Work Srl –Valla di Riese Pio X (TV)

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento