Con l’ordinanza n. 46 del 24 settembre 2012, il Commissario delegato per la ricostruzione in Emilia, Vasco Errani, ha stabilito che tutte le imprese edili (comprese le aziende sub-appaltatrici), che realizzeranno opere edilizie, di committenza pubblica e privata, collegate ai danni causati dai terremoti del 20 e 29 maggio scorso dovranno obbligatoriamente iscriversi alle Casse Edili, fin dall’inizio dei lavori.

L’obbligo riguarda anche il versamento dei previsti accantonamenti alle Casse edili dei territori interessati dai lavori invece che in quelle di provenienza. L’obbligo prescinde dalla durata dei lavori e riguardano anche interventi di durata inferiore ai 90 giorni.

Il provvedimento è finalizzato anche al contrasto del lavoro nero ed è coerente con quanto stabilito dal protocollo legalità terremoto siglato il 27 giugno scorso (leggi anche Ricostruzione Emilia, si aprono le white list per le imprese edili).

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento