Torniamo sull’argomento della semplificazione delle procedure edilizie, di cui ci siamo recentemente occupati intervistando l’arch. Mario Di Nicola (leggi La rivoluzione delle procedure edilizie. Intervista all’arch. Di Nicola). Tra le principali novità spicca il potenziamento dello Sportello Unico per l’Edilizia, già previsto nel Testo Unico Edilizia del 2001 ma mai effettivamente partito.

In sostanza, come ha ricordato nella sua intervista l’arch. Di Nicola, “diminuisce il confronto tra il professionista esterno e quello della pubblica amministrazione, chiamato al controllo degli interventi richiesti”. Mentre con la segnalazione certificata di inizio attività e la comunicazione inizio lavori è il tecnico a dover assumere in sé l’onere delle dichiarazioni e  asseverazioni.

Aumentano inoltre esponenzialmente le possibilità di rilascio del permesso di costruire con le modifiche introdotte dalla legge 7 agosto 2012, n. 134 Misure urgenti per la crescita del Paese (leggi anche Rilascio del Permesso di costruire anche per le opere non compatibili).

Ma nell’ambito della semplificazione delle procedure edilizie, cosa si può dire? In altri termini, con le novità normative di questi mesi quali sono le realizzazioni edilizie che si possono fare tramite SCIA, DIA, Comunicazione semplice o asseverata di inizio lavori e, infine, cosa rientra nel campo di applicazione dell’attività edilizia libera?

In questo primo post ci occupiamo dell’Attività di edilizia libera e della Comunicazione di Inizio Lavori semplice e asseverata. In un articolo successivo approfondiremo la SCIA, la DIA e la super DIA.

Attivita’ di edilizia libera


L’attività di edilizia libera, per esempio, non richiede da parte di chi la realizza l’ottenimento di particolari titoli abilitativi. Si tratta di interventi light come interventi di manutenzione ordinaria quale può essere la tinteggiatura o attività di movimento terra e serre mobili che non presentino strutture in muratura. Sempre nell’ambito dell’attività di edilizia libera rientrano anche tutti gli interventi per l’eliminazione delle barriere architettoniche (purché tali lavori non vadano ad alterare la sagoma esterna dell’edificio sul quale sono realizzati).

Rimane inteso, ovviamente, che qualsiasi intervento rientrante nel campo dell’attività di edilizia libera debba rispettare i piani urbanistici vigenti e le prescrizioni minime di sicurezza che influenzano l’attività edilizia (norme antisismiche, norme antincendio, norme sanitarie, norme sul risparmio energetico, ecc.).

L’attività edilizia libera

L’attività edilizia libera

Antonella Mafrica, Mario Petrulli, 2016, Maggioli Editore

La guida in PDF è suddivisa in capitoli tematici, ognuno dei quali affronta un gruppo di interventi caratterizzati dal fatto di essere sottoposti alla medesima disciplina: quelli liberamenti eseguibili, quelli subordinati alla comunicazione inizio lavori (CIL)...

9,90 € 8,91 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Comunicazione di inizio lavori semplice

La comunicazione di inizio lavori può essere utilizzata per realizzare diversi piccoli lavori edilizi, in precedenza riservati alla DIA (denuncia di inizio attività).

Questo particolare strumento consente la manutenzione ordinaria (compresa l’apertura di porte interne, purché non su pareti portanti). Opere di pavimentazione e di finitura di spazi esterni, comprese le aree di sosta, che siano contenute entro l’indice di permeabilità (compresa la realizzazione di intercapedini interamente interrate e non accessibili, vasche di raccolta acque e locali tombati).

Altri interventi, che possono essere eseguiti con la comunicazione di inizio lavori semplice, sono l’installazione di pannelli solari termici e fotovoltaici senza serbatoio di accumulo esterno a servizio di edifici da realizzare al di fuori della zona A.

E ancora: aree ludiche senza fini di lucro, elementi di arredo delle aree pertinenziali degli edifici e modifiche interne di carattere edilizio sulla superficie coperta dei fabbricati di imprese, ovvero modifiche della destinazione d’uso di questi locali.

Per le opere che richiedono la comunicazione di inizio lavori semplice non occorrono titoli abilitativi. È sufficiente inviare una richiesta, anche per via telematica al proprio Comune. Rimane inteso il rispetto delle norme base di sicurezza come ricordato per l’attività edilizia libera.

Comunicazione di inizio lavori asseverata

La comunicazione di inizio lavori asseverata consente di eseguire opere di manutenzione straordinaria. Si considerano opere che richiedono la comunicazione asseverata anche la realizzazione e l’integrazione di servizi igienici e tecnologici, purché non alterino volumi, sagome e destinazione d’uso degli edifici dove sono realizzati.

Le medesime opere realizzabili con la comunicazione di inizio lavori semplice possono, ovviamente, essere effettuate anche con la comunicazione di inizio lavori asseverata.

L’iter è comprensibilmente più complesso. L’interessato deve inviare al Comune, anche per via telematica, oltre alla comunicazione di inizio lavori anche la propria anagrafica completa (C.F. incluso), quella del progettista e quella dell’impresa che esegue i lavori, la qualità del richiedente (proprietario, comproprietario, ecc.), la localizzazione e la consistenza dell’immobile, la classificazione urbanistica del luogo dove si trova l’immobile, la sua destinazione d’uso e la presenza di eventuali titoli abilitativi precedenti riguardante l’immobile.

Per gli interventi di manutenzione straordinaria e per quelli eseguiti su locali di proprietà di un’impresa, occorre anche indicare al Comune i dati identificativi dell’impresa alla quale si intende affidare i lavori, una relazione tecnica da parte di un professionista abilitato che asseveri che i lavori sono a norma, che non ha rapporti di dipendenza con l’impresa o con il committente dei lavori.

Solo per i lavori su fabbricati o locali di impresa, vanno trasmesse anche le dichiarazioni di conformità da parte dell’Agenzia delle imprese (vedi art. 38, comma 3, lett. c) del d.l. 112/2008).

Per avere tutti i modelli e i formulari da utilizzare, anche in formato .doc personalizzabili e compilabili, rimandiamo alla recentissima nuova edizione del Formulario Generale dell’Edilizia 2012 redatto dall’arch. Mario Di Nicola e uscito per Maggioli Editore a settembre 2012

Dal web


Dal web

Gli Speciali

5 Commenti

  1. Non condivido quanto riportato in merito alla manutenzione ordinaria ovvero che la stessa può ricomprendere l’apertura di porte interne (non portanti)….
    Tale fattispecie è ricompresa nella manutenzione straordinaria e non in quella ordinaria.

  2. valutando tanti aspetti di questa controversa decisione possiamo solo definire cosa si intende nel caso specifico, la vera novità dovrebbe essere vista nell’opportunità di operare in proprio all’interno del propria abitazione o comunque all’interno dei possedimenti di un libero cittadino in completa autonomia, eliminare pratiche burocratiche a volte più costose dell’opera stessa non credo sia una brutta cosa… grazie

  3. Per la realizzazione di un cancello pedonale della lunghezza di cm. 90, accanto ad un cancello carrabile di ml. 2,00, occorre una SCIA o è sufficiente una comunicazione inizio lavori semplice!?

Scrivi un commento