Ricapitoliamo quali sono i lavori sulle unità immobiliari e sugli edifici residenziali ammessi all’agevolazione fiscale del 50% per gli interventi di ristrutturazione edilizia, in base alle informazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate e dalla sua guida Ristrutturazioni edilizie: le agevolazioni fiscali, un dettagliato vademecum che fornisce tutte le informazioni necessarie sulle detrazioni del 50%. All’interno di questa guida troviamo il capitolo “Principali tipi di interventi ammessi alla detrazione Irpef”.

Scarica i “Principali tipi di interventi ammessi alla detrazione Irpef”, estratto dalla guida dell’Agenzia delle Entrate sulle detrazioni del 50% per interventi di ristrutturazione edilizia.

Sulla base della guida dell’Agenzia delle Entrate, la detrazione riguarda gli interventi di manutenzione straordinaria, le opere di restauro e risanamento conservativo e i lavori di ristrutturazione edilizia sulle unità immobiliari residenziali di qualsiasi categoria catastale (si veda il Dpr 380/2011, articolo 3, lettere b, c e d).
Sono detraibili inoltre la manutenzione ordinaria e starordinaria, il restauro, il risanamento conservativo e la ristrutturazione edilizia su tutte le parti comuni degli edifici residenziali (si veda il Dpr 380/2011, articolo 3, lettere a, b, c e d).
Si può intervenire godendo della detrazione al 50% sugli immobili danneggiati dopo un evento calamitoso (decreto legge 201/2011). Allo stesso modo si ha diritto alla detrazione 50% se si realizzano autorimesse, anche di proprietà condivisa, se si interviene per eliminare le barriere architettoniche e se si installano strumenti che favoriscono una migliore mobilità interna ed esterna all’abitazione (legge 104/1992, articolo 3, comma 3) e gli interventi che hanno lo scopo di aumentare la sicurezza domestica, compresi quelli relativi all’adozione di misure utili a prevenire il rischio di atti illeciti da parte di terzi. Per gli interventi di messa in sicurezza, in generale, la detrazione spetta se si interviene sugli immobili e non se si comprano semplici strumenti.
Sono detraibili gli interventi di bonifica dell’amianto e di riparazione di impianti insicuri.
La cablatura degli edifici, il contenimento dell’inquinamento acustico, gli interventi per il risparmio energetico, le misure di antisismica, le opere interne all’edificio: si tratta di lavori detraibili al 50%. Per gli interventi di antisisimica sono detraibili anche le spese sostenute per la redazione della documentazione obbigatoria utile a provare la sicurezza statica dell’edificio.

Infine, sono soggette alla detrazione del 50% anche le seguenti spese:
– per la progettazione e per le presatzioni professionali connesse all’intervento;
– per la messa in regola dell’edificio;
– per acquistare i materiali;
– per la relazione di conformità dei lavori;
– per effettuare perizie e sopralluoghi;
– gli oneri di urbanizzazione;

 

Dal web


Dal web

Gli Speciali

5 Commenti

  1. Ho acquistato un terreno con sopra un rudere. Mantendendo la stessa planimetria e cubatura, abbiamo costruito 2 appartamenti. Io che sono la proprietaria di un appartamento posso richiedere la dtrazione del 50 per cento per la ristrutturazione della mia parte? Grazie

  2. Oltre a ristrutturare il palazzo devo sostituire i vecchi serbatoi in amianto con dei nuovi in resina, sostenendo così spese di smaltimento rifiuti speciali, spese idauliche e spese di acquisto nuovi serbatoi. La detrazione del 50% può essere calcolata anche su queste voci?
    Le spese tecniche e dell’amministratore di condominio rientrano anche nella detrazione?

  3. Desidero sapere se la sostituzione di una porta di ingresso con una PORTA BLINDATArientra nelle agevolazioni fiscali e quali pratiche pratiche vanno effettuate per godere della suddetta agevolazione. Distinti saluti in attesa di una cortese risposta.

  4. se per migliorare e risparmiare consumi con addolcitore acqa che usufruisce iva agevolata e detrazione 50% ;devo demolire x allacciare quindi ripavimentare questa è manutenzione o ristrutt e posso detrarre qualcosa?? cordiali saluti rizzi.

  5. ho una pratica edilizia aperta per ristrutturazione e ampliamento. Volevo installare un addolcitore per uso domestico. Rientra nelle detrazioni del 50%? ringrazio e saluto

Scrivi un commento