L’Agenzia delle Entrate ha finalmente pubblicato la guida alle ristrutturazioni edilizie, aggiornata ad agosto 2012, per chiarire tutti gli aspetti inerenti le detrazioni 50% e le agevolazioni fiscali che possono sfruttare i contribuenti che hanno iniziato lavori di rifacimento e di miglioramento delle proprie abitazioni (leggi anche Detrazione 50% e 55% gli interventi e le ultime novità).

Ricordiamo che la detrazione fiscale per le ristrutturazioni è diventata una misura strutturale, ossia senza più termini di scadenza e questo a partire dal 1° gennaio 2012. Non solo, il Decreto Crescita (d.l. 83/2012) ha innalzato la percentuale di detrazione per il periodo che va dal 26 giugno 2012 al 30 giugno 2013. In tale intervallo di tempo, infatti, i cittadini potranno usufruire di una detrazione 50% (anziché del 36%) e per un importo di spesa raddoppiato (96.000 euro anziché 48.000).

Dopo il 30 giugno 2013, la detrazione continuerà ad esistere, ma tornerà al 36% (consulta il Dossier sulla Detrazione 50% per le ristrutturazioni edilizie).

Le novità della detrazione 50%
La guida dell’Agenzia delle Entrate sulla detrazione 50% ristrutturazioni edilizie fornisce utili indicazioni per richiedere correttamente l’agevolazione fiscale, illustrando modalità e adempimenti.

Ricordiamo che, tra le novità della detrazione 50% vi è l’abolizione dell’obbligo di invio della comunicazione di inizio lavori al Centro operativo di Pescara, l’eliminazione dell’obbligo di indicare in fattura il costo della manodopera in maniera distinta dalle altre voci e la facoltà riconosciuta al venditore, nel caso in cui l’unità immobiliare sulla quale sono stati eseguiti i lavori sia ceduta prima che sia trascorso l’intero periodo di godimento della detrazione, di scegliere se continuare a usufruire delle detrazioni non ancora utilizzate o trasferire il diritto all’acquirente (persona fisica) dell’immobile.

Per quello che riguarda l’estensione temporale della detrazione 50%, dal 2012 vige l’obbligo per tutti i contribuenti di ripartire l’importo detraibile in 10 quote annuali;. Non è infatti più prevista per i contribuenti di 75 e 80 anni la possibilità di ripartire la detrazione, rispettivamente, in 5 o 3 quote annuali.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

2 Commenti

  1. Buongiorno, nel 2009 l’amministratore ha presentato domanda per usufruire delle agevolazione fiscale per ristrutturazione le facciate del condominio risparmio energetico (cappotto) il lavoro è stato svolto a Busto Arsizio VA Reg. Lombardia. Domanda il lavoro è stato ultimato a gennaio 2011,le detrazione fiscale per la sopracita reg, sono del 36 ho del 50%. Grazie.

    • Buongiorno Gerardo, se i lavori si sono conclusi nel 2011 e, immaginiamo, anche i pagamenti sono stati effettuati, la detrazione spettante è quella del 36% con un tetto massimo di spesa di 48.000 euro. In ogni caso, per portare in detrazione la sua quota nel 730 del 2013 (anno di competenza 2012) dovrebbe avere ricevuto dall’amministratore un documento che attesta i lavori e indica la sua quota da portare in detrazione (10 rate di eguale importo, una per ogni anno)

Scrivi un commento