Forte di 30 anni di esperienza nel comparto della microelettronica medica, da 10 anni Micromed s.p.a. indirizza il suo know-how verso la produzione di strumenti all’avanguardia per la prospezione geofisica e l’ingegneria civile. Strumenti concepiti per essere precisi, affidabili, davvero portatili e, soprattutto, diversi da ciò che esisteva già.

TROMINO (brevetto internazionale). Ogni pochi anni in Italia avviene un terremoto distruttivo. Prevedibile o meno che sia, l’unico modo per arginare i danni di un terremoto passa attraverso una pianificazione territoriale e una progettazione edilizia adeguate.

Queste impongono la conoscenza della risposta dinamica dei suoli (frequenze di risonanza, rigidità dei terreni ecc.) e delle strutture (analisi modale). Tromino è il primo strumento ‘tutto in uno’ progettato per questi scopi. Di dimensioni e consumo ridottissimi, lavora anche in configurazione di antenna attraverso un sistema esclusivo di comunicazione radio, risultando versatile e adatto per disparate applicazioni.

Figura 1 - Tromino in una sua tipica applicazione (analisi modale delle strutture)

SOILSPY. La prospezione sismica multicanale permette di ottenere i moduli elastici del terreno in modo spazialmente esteso tramite una moltitudine di tecniche (di superficie, in foro, attive e passive). Questo tipo di prospezione viene impiegato per ricostruire la stratigrafia del sottosuolo, per stimare gli spessori delle coperture, delle frane, dei materiali utili per l’estrazione, ecc.

Il sistema SoilSpy di Micromed s.p.a. è un sistema digitale di concezione totalmente nuova per qualsiasi indagine sismica. Produce dati di qualità superiore rispetto ai sistemi classici, lavora in ambienti molto rumorosi – inaccessibili ai sistemi tradizionali – e si configura come il sistema più leggero e a basso consumo esistente.  La possibilità di registrare in continua senza limiti di tempo lo rende adatto anche a monitoraggi prolungati.

Figura 2 - Esempio di tomografia sismica effettuata con SoilSpy

ELECTRA. La prospezione elettrica permette di ricostruire l’andamento della resistività nei materiali. Quest’ultima è condizionata da fattori quali la loro polarizzabilità e contenuto in acqua. Il metodo elettrico si applica dunque alla ricerca d’acqua e minerali, di strutture sepolte, di cavità, a problemi ambientali, a studi di fondazioni, ecc.

Electra è il nuovo sistema di Micromed s.p.a. per la tomografia elettrica 2D e 3D. Strumento unico nel suo genere, caratterizzato da peso e ingombri nettamente inferiori rispetto ai sistemi tradizionali, permette di ottenere dati di miglior qualità, abbattendo l’intensità di corrente da immettere nel sottosuolo, i consumi e i tempi di misura.

Figura 3 - Esempio di tomografia elettrica effettuata con Electra

Se siete alla ricerca di soluzioni nuove per la geofisica applicata e per l’analisi modale e vibrazionale delle strutture, visitate www.tromino.eu.

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento