Dichiarazione Imu, verso la proroga a fine anno

Novità in vista in merito all’IMU. Sembra infatti che il Governo Monti farà slittare, molto probabilmente a fine anno, il termine per l’invio delle dichiarazioni IMU, fissato dal decreto salva-Italia, precedentemente fissato al 30 settembre prossimo (1° ottobre, visto che il 30 settembre cade di domenica).

La notizia farà probabilmente tirare un sospiro di sollievo a tutti quei contribuenti che hanno visto cambiare la propria situazione rispetto alla vecchia ICI. Un esempio è la  mancata rispondenza tra dimora e residenza, ma anche la classificazione delle pertinenze.

Saranno interessati anche quei proprietari che acquisteranno immobili o effettueranno variazioni, come chi compie atti ufficiali come un rogito o un atto costitutivo di diritto reale o una variazione catastale a seguito di modifiche che possano avere cambiato la rendita catastale.

La probabile proroga nasconde i ritardi nella  predisposizione del nuovo modello dichiarativo e delle relative istruzioni che dovranno chiarire alcuni punti problematici della disciplina Imu, come i fabbricati rurali.

Il Ministero delle Finanze dovrà inoltre precisare con un decreto quali siano i casi in cui non sussiste più l’obbligo di presentare la dichiarazione, oltre quelli già conosciuti.

Attualmente sono ancora tanti i fabbricati non dichiarati e il rinvio della scadenza per la dichiarazione IMU consentirebbe agli interessati di completare la procedura di accatastamento e poi adempiere all’obbligo dichiarativo.

Ricordiamo che la dichiarazione Ici vale anche per l’Imu, di conseguenza chi ha già presentato tale documento in passato,  non è tenuto a presentare nuovamente la dichiarazione.

Resta ferma la scadenza della seconda rata Imu al 17 settembre (vedi “Imu prima casa, entro il 17 settembre la seconda parte dell’acconto“).

Dal web


Dal web

Gli Speciali

Scrivi un commento